Campo Sabaudia 8-10 Aprile 2019- IC Pacifici, Tivoli- classi 2B e 2G

 

SECONDO GIORNO

Buona sera, 

Anche questa giornata sta per terminare. Oggi c’è stata la grande sfida del Dragonboat. Sul lago di Paola, tra onde spumeggianti e raffiche di vento i vostri ragazzi si sono cimentati in una pagaiata di gruppo per tutta la mattinata. Con coraggio, forza, impegno e resistenza hanno portato a termine la loro sfida. Il pomeriggio si sono goduti un meritato riposo sulle dune di fronte al mare all’ombra del maestoso Picco del Circeo. 

Abbiamo chiesto loro quanto si sono sentiti utili in questa giornata e dove si sarebbero posizionati sul Dragonboat per rappresentarsi. 

Sentite cosa ci hanno raccontato. 

Buona lettura 

E buona notte! 

Lo staff del Kamaleonte 

Sul dragone mi sono sentito al centro perché ho lavorato molto, ma ho fatto anche delle pause (brevi) e ho anche invitato gli altri ma non troppo. Non ho imparato niente tranne che sono più forte di quanto pensassi. Emanuele I. 

Oggi io e la mia classe abbiamo attraversato il lago con il Dragonboat e io penso di essere stato il tamburo, che aiutava le altre persone e che dava il ritmo. Oggi ho imparato ad avere coraggio, come sulla barca che dondola e sembra di cadere. Ho imparato che le esperienze all’aria aperta sono fantastiche, meglio dei videogiochi. Oggi ho faticato ma mi sono divertito molto a remare con i miei amici e a suonare il tamburo! Daniel M. 

Sul Dragonboat mi posiziono sott’acqua perché penso di non essere stata utile stando seduta tra due persone che remavano. Stando fuori dalla zona di comfort ho capito che non bisogna abbassarsi a certi livelli ma lasciarsi scivolare le cose. E che parlando ci si può sempre chiarire. Benedetta 

Io mi posiziono ai remi perché ho remato per tutto il tempo senza riposo e quindi mi sentivo importante. Lorenzo Sg. 

Oggi ho imparato a fidarmi e a far pace con persone molto importanti. 

Francesco Ca. 

Mi posizionerei in mezzo perché ho provato a remare ma per colpa della mia malattia ho capito che uscire dalla propria zona di comfort è difficile, ma essendo tutt’uno con il mondo sempre di può. Lorenzo Ma. 

Mi metterei al tamburino perché secondo me ho incoraggiato di più insieme ad alcuni miei compagni. Riccardo 

Oggi credo di posizionarmi al centro, però più verso la fine perché credo di essere stata utile, ma non troppo. Ho imparato a collaborare con gli altri e che se un percorso è faticoso non dobbiamo arrenderci prima della fine. Anonimo 

Oggi sono stata molto utile perché in barca ho aiutato molto e nella foresta ho aiutato i miei amici che stavano male. Oggi ho imparato che non bisogna mai arrendersi alle prime difficoltà tipo oggi era il vento. Lorenzo 

Mi posiziono al centro perché mi sono sentito utile. Ho imparato che bisogna lavorare sempre al massimo per raggiungere un obiettivo molto importante. Alessandro

Io oggi mi sono divertita un sacco. Io sul dragon boat mi metterei al centro perché secondo me ho aiutato un po’ a spingere la barca e ad animare facendo cantare parte dei miei amici. Io mi sono impegnata al massimo (Carla)

– dopo la bellissima esperienza del dragon boat posso essere soddisfatta del mio obiettivo e ho veramente capito cosa significa “lavoro di squadra” (Nicole)

– sul dragon boat mi posizionerei al centro perché secondo me ho aiutato ma non mi sono impegnata al massimo. Oggi ho imparato che insieme siamo invincibili, perché se metà classe non partecipa è impossibile proseguire velocemente, ma se ci impegniamo insieme diventiamo velocissimi. É proprio vero che l’unione fa la forza! (arianna)

-oggi sul dragon boat mi posizionerei al centro perché quando stavamo a metà strada mi facevano male le braccia e tirava vento ma all’ultimo tratto ho remato molto. Da lì ho imparato che tutti devono collaborare andando a tempo. (Cecilia)

PRIMO GIORNO

Cari genitori,

mentre i vostri pargoli sono
tra le braccia di Morfeo vi raccontiamo la loro giornata. Il viaggio insieme per uscire dalla propria di confort e imparare qualcosa di sè e degli altri è iniziato con la costruzione di un nido. Luogo sicuro da lasciare temporaneamente per avventurarsi nella foresta ed affrontare le sfide di gruppo che abbiamo pensato per loro. La giornata è stata lunga e impegnativa…ma gli occhi dei ragazzi sono pieni di entusiasmo e divertimento. Pura energia! Vi lasciamo le loro parole che come sempre esprimono meglio di noi le emozioni provate!

Buona notte!

Lo staff del Kamaleonte!

– dopo questa giornata mi porto dentro l’unione del gruppo. I giochi mi sono molto piaciuti anche perché erano giochi di squadra. La cosa che mi è piaciuta di più è costruire il rifugio tutti insieme e per costruirlo ci siamo divisi i vari lavori (Nicole )
– si, sono uscita dalla mia zona comfort e ho imparato grazie a Matteo a non prendere le responsabilità del gruppo e dividere il lavoro con gli altri (Giulia Gi.)
– in questa esperienza ho capito che bisogna esprimere le proprie emozioni (Desirée)
-oggi ho scoperto che io posso socializzare con altre persone visto che sono un po’ timido. Poi ho scoperto un altro lato di me, l’autostima, visto che per fare cose io parto già sconfitto dicendomi che per fare una cosa “non ce la faccio” (Gabriele Mo.)
– si, oggi sono uscita dalla mia zona di comfort. Ho imparato ad inserirmi nel gruppo e ad aiutare gli altri. Ho imparato che è bello stare tutti insieme e stare meno tempo col mio telefono
– oggi di me ho scoperto nel bosco che so adattarmi alle zone sconosciute e che sono capace di restare nella mia zona comfort come la mia casa. É stato bello oggi. (Daniel)
– oggi sono uscita dalla mia zona comfort: mi sono divertita tantissimo soprattutto quando sono stata bendata e mi sono fidata della compagna che mi ha guidato,quindi ho imparato a fidarmi delle persone, cosa che di solito non faccio (Arianna )
– in questa gita ho capito che quando si lavora insieme si riesce a fare di più però alcuni non sono sempre d’accordo con te quindi devi accontentare un po tutti (lorenzo ma)

– per me questa giornata è stata molto bella anche perché ho fatto una nuova esperienza facendo varie prove anche se ci sono stati dei brutti momenti, che si sono risolti. La cosa che mi ha fatto riflettere è che collaborando si raggiungono ottimi risultati (Beatrice)
– questa giornata è stata molto bella: abbiamo costruito il rifugio, abbiamo giocato,ci hanno diviso 2G e 2B in un gruppo misto molto bello
– questa giornata è stata molto bella perché abbiamo avuto la possibilità di viviere un’esperienza nel bosco, a contatto con la natura, aiutando il gruppo a costruire un rifugio e a superare le varie prove. Nel bosco si respirava aria pura, non aria inquinata! Si sentivano i rilassanti rumori del vento e delle foglie. Susan

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...