Campo scuola monte Amiata I.C. LODI 7 9 NOVEMBRE CLASSI IIIB IIIG

II giorno

Buonasera mamme e papà,
anche questa seconda giornata è terminata. I vostri ragazzi sono nelle loro stanze per riposarsi e per ricaricare le energie per affrontare l’ultima giornata di camposcuola.
Oggi mattinata di costruzione dei rifugi. Ingegno, creatività ed abilità sono state messe in gioco per erigere villaggi fatti di legno, foglie e pietre. Al termine della progettazione e creazione di questi rifugi, ognuno di loro ha mostrato agli altri gruppi il lavoro svolto immedesimandosi nella vita del villaggio.
Pranzo e poi tutti in paese dove
abbiamo visitato il centro di Abbadia San Salvatore e il museo minerario.
Al nostro rientro un fuoco accogliente posto al centro della foresta era pronto ad accoglierci. Qui momento di condivisione davanti al calore delle fiamme e sotto un meraviglioso cielo stellato.

Queste alcune delle loro parole:

Stare insieme, sentirsi liberi, Felicità, ingegno, costruire, amicizia, unione, collaborare, coraggio..

I giorno

Cari genitori,
Questa prima giornata di camposcuola sta volgendo al termine e i vostri ragazzi si stanno godendo il meritato riposo nelle loro stanze.
Queste ore insieme sono state intense e piene di emozioni, accompagnate anche da qualche nuvola che però non ha scoraggiato il loro entusiasmo.
Con l’aiuto del gruppo sono riusciti a superare prove che hanno fatto si che mettessero in gioco la fiducia verso i propri compagni, la responsabilità nel saperli guidare in alcune situazioni e il gioco di squadra.
Dopo un’abbondante cena ristoratrice, anche la serata è stata ricca di divertimento tra statue viventi e una versione rivisitata del gioco della sedia!

Queste le loro riflessioni sulla giornata:

 

Spazio. È un cavallo libero. Mi sono sentita libera in mezzo alla natura.

Gioco della molletta. Avevo fiducia degli altri compagni.

Ho pensato ai giochi fatti: un errore durante il gioco avrebbe potuto rovinare il punteggio di tutta la squadra.

Camminata con la benda mi sono dovuto affidare al mio amico e avevo la sua responsabilità. Avevo paura che mi facesse uno scherzo.

Mi è piaciuto stare in natura, è diverso dallo stare in città. Ho provato libertà perché non è una cosa che capita spesso.

Natura del bosco. Per me è una cosa diversa dalla vita quotidiana. Libertà.

Nella camminata mi sentivo quello che comandava (il re) mentre quello che era bendato era lo schiavo. Sentivo di comandarlo.

Lavoro di squadra. È stato divertente anche perché ci siamo mischiati con l’altra classe e abbiamo conosciuto persone nuove.

Paura durante la camminata sensoriale. Il mio compagno non mi ha aiutato a partire. Poi l’ho ritrovato e la paura un po’ è passata.

Camminata sensoriale. Ho provato a sentire quello che mi circondava: i suoni, gli odori.
Mi sono sentito al sicuro.

È stato uno dei giorni più belli perché è stato molto divertente. Mi ha emozionato soprattutto quando ero bendato.. Avevo paura all’inizio…

Durante l’intera giornata, un sacco di emozioni mi hanno conquistato.. Fiducia, gioco di squadra, astuzia. Ho conosciuto nuove persone simpatiche di cui prima neanche mi interessavo.

 

 

Essendo la prima volta che sono stata in montagna, è stato emozionante e suggestivo. Il mio sguardo si perdeva nell’infinità di alberi e questo mi faceva sentire strana perché non sei né felice né triste.. Sei in pace con te stessa.

La pioggia che sfiorava il viso, l’odore della terra bagnata, il rumore delle foglie e le facce nostre un po’ sperdute. La voglia di urlare e sentirsj liberi. Fiducia, difficoltà e gioia nel cuore. Colori e suoni che ti fanno sentire leggera, senza nessun peso.

Annunci

Una risposta a "Campo scuola monte Amiata I.C. LODI 7 9 NOVEMBRE CLASSI IIIB IIIG"

  1. Antonella 8 novembre 2018 / 8:51 pm

    Dai commenti dei ragazzi, si capisce che purtroppo vivendo in città e in un era dove la tecnologia ha preso il posto dei 5 sensi , capita di ritrovarsi in un’esperienza dove fai i conti con il silenzio, la pace e la tranquillità. Scopri che sei vivo…. senti, tocchi e vedi tutto ciò che non è nuovo ma è ciò che ti circonda da quando sei nato, solo che hai scelto di ascoltare il caos, di essere social e avere i like, ma non sei contento, non sai cosa vuoi. Troppa confusione, troppa frenesia, troppi rumori…. Non riesci a pensare non ti fanno pensare….

    Una mamma cresciuta all’aria aperta….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...